martedì 13 giugno 2017

I libri del mese scorso: maggio


C'è voluto un po' di tempo, siamo quasi a metà mese, ma finalmente ce l'ho fatta a scrivere il post sui libri del mese scorso. Del resto, buona parte della scorsa settimana l'ho passata a rigirarmi su un lettino in riva al mare pensando a dove fosse meglio andare a fare l'aperitivo, quindi, dovete capirmi, non avevo proprio tempo. 

Maggio è stato un mese abbastanza proficuo, per quel che riguarda le letture. C'è che sono stata al mare e stesi sul lettino di cui sopra, al venticello, si leggeva proprio bene. C'è che in estate mi sveglio sempre all'alba e aspetto che suoni la sveglia con il Kindle in mano. C'è che in estate, semplicemente, ogni momento è buono per tuffare il naso in un libro. Eccovi quindi i libri del mese. 
Libri letti 

Love among the butterflies - Margaret Fountaine 
Di questo libro vi avevo già parlato in un post dedicato, quindi vi rimando a quello. Qui vi dico solo che si tratta dei diari di Margaret Fountaine, una donna vittoriana appassionata di entomologia che nella sua vita ha collezionato più di 20.000 farfalle. Un donna forte, indipendente, appassionata, egoista, piena di vita, innamorata dei viaggi più di ogni altra cosa al mondo. 

L'amore come le meduseRoberto Delogu 
Ammetto, questo libro l'ho preso principalmente perché ha una copertina fantastica. Fortunatamente, anche il contenuto è degno di nota. Si tratta della storia di due fratelli, dall'infanzia all'età adulta, che si devono confrontare con le prove che la vita mette loro davanti. La vera protagonista, almeno per me, è stata però l'isola di Carloforte, il suo mare, i suoi profumi, la sua luminosità. È descritta con tale intensità che sembra praticamente di esserci. E ovviamente si muore dalla voglia di andarci. 

I fili invisibili della natura - Gianumberto Accinelli
Di questo libro aveva già scritto Elena nel suo ultimo Leggermente, quindi anche in questo caso vi rimando al suo post. Io ho letto questo libro mentre ero a Rimini e l'ho adorato. Racconta storie incredibili del mondo naturale, dove accadono le cose più strane, ma dove tutto ha un senso, spesso stravolto dall'intervento umano. È scritto con grande maestria, leggero, ma ricco di contenuti. Mi è piaciuto tantissimo! 

Il nuovo Barnum - Alessandro Baricco
Come sempre Baricco mi suscita reazioni opposte, un momento lo trovo un genio e lo adoro, un momento dopo vorrei prenderlo a schiaffi. Trattandosi di una raccolta di articoli, questo libro è di agevole lettura, perché - quando viene l'istinto molesto e non si sopporta più quel certo Baricco - si può passare oltre. Comunque, ho imparato molte cose, ho ritrovato un articolo su una biblioteca indiana che avevo adorato anni fa e ho scoperto una cosa fighissima: sapete che Orhan Pamuk ha scritto un libro, Il museo dell'innocenza, e poi ha creato un museo con tutti gli oggetti citati nel libro? Tutti. Una roba folle, geniale, pazzesca. Grazie Baricco per avermelo raccontato. 

Libri acquistati

A fine maggio sono stata al Salone del Libro, ma mi sono comportata bene e ho acquistato solo tre libri. Questi:

Il mare chiuso, di Alessandro Di Sorbo e Alessio Di Simone, edito da Verbavolant, un magico libro che diventa un poster raffigurante una balena. Figuratevi voi se potevo non comperarlo. 

Il giardiniere gentile, di Silvia Salvagnini, sempre di Verbavolant, una narrazione poetica che racconta di un giardiniere che rispetta tutte le piante, anche le erbacce, e i parassiti, trovando loro un posto nel suo mondo. 

e il già citato libro di Roberto Delogu, di cui vi parlo sopra. 

Poi, potevo non farmi tentare dalle offerte lampo del Kindle Store? No, ovviamente no. Questo mese ho ceduto a:

Un cappello pieno di ciliegie, perché era da tempo che desideravo leggere questo libro della Fallaci, quale momento migliore di una succosa offerta?

Walkabout Italia, perché mi incuriorisce il racconto di questo viaggio a piedi attraverso l'Italia, senza soldi e con una scatola dove raccogliere sogni. 

Libri messi in lista

La mia wishlist su Amazon sta crescendo a livelli impressionanti. Non mi basterà una vita per soddisfare tutti i desideri. Ma magari chissà, un giorno la cancello e tanti saluti. Sarebbe divertente, no? No. 

Comunque questo mese ho aggiunto:

Il libro del mare, di Morten Stroknes, perché è la storia di due amici pescatori che inseguono un temutissimo squalo nelle isole Lofoten e che diventa un racconto sul mare, la sua storia e la sua vita. Devo prenderlo di corsa. 

L'arte della fuga, di Fredrik Sjoberg, perché racconta di un viaggio in Nevada, Arizona e Colorado, sulle tracce di Gunnar Widforrs, pittore e illustratore e personaggio fuori dal comune. Vabbè, prendo di corsa anche questo, dai. 

Woolgathering, di Patti Smith, perché non la amo molto come cantante, ma come scrittrice la adoro e questo suo libro mi manca. 

Un tot di libri su Zelda Fitzgerald, perché ho letto un articolo che gettava una luce nuova sul suo rapporto con il marito e sul suo ruolo nella stesura dei libri di Fitzgeral e vorrei saperne di più

La favolosa storia delle verdure, scoperto al Salone del Libro di Torino, una biografia delle verdure, che ne racconta la storia e le avventure nel corso dei secoli. Dev'essere bellissimo!

Controvento. Storie e viaggi che cambiano la vita, perché, con un titolo così non è mica possibile non leggerlo.

The Andy Warhol Diaries, perché da quando ho visto la mostra a lui dedicata, ho deciso di saperne un po' di più. 

The Bucket List: 1000 Adventures Big and Small, così sogniamo ancora un po', che non si sogna già abbastanza, da queste parti. 

Dai, dai, dai, adesso ditemi di voi. Voglio sapere tutti i vosti libri del mese!

mercoledì 7 giugno 2017

Cosa c'è di bello a Rimini?

 
Qualche giorno fa, tornata a casa dalla mia vacanzina in terra romagnola, un parente mi chiede: "allora, com'è andata, cosa c'era di bello a Rimini?". Ammetto di essere rimasta in silenzio, ho buttato lì un'ovvietà qualsiasi che manco ricordo e ho cambiato discorso. Perché, sì, è vero, cosa c'è di bello a Rimini secondo gli standard classici di valutazione di una località di mare? Con tutto il rispetto per i riminesi, molto poco direi. 

Il mare? Beh, non proprio. L'unico giorno in cui mi sono arrischiata a fare un bagno, quando tutta la gente decantava la bellezza dell'acqua, mi son detta che in Liguria, in giornate con il mare così, non avrei neppure messo i piedi in acqua. La spiaggia? Beh, certo, sabbia soffice e setosa, ma la bellezza selvaggia di certe spiagge della Sardegna o i profumi di certa Maremma, beh, manco a parlarne. 

Ma spesso la bellezza va oltre i canoni standard, no? E a volte abbiamo bisogno di altro, oltre alla semplice bellezza. Abbiamo bisogno di un luogo che ci accolga a braccia aperte, di cui conosciamo anche le crepe dell'asfalto, in cui non si debba pensare, stupirsi, cercare, scoprire, conoscere, ma solo lasciarsi andare e godere di piccole cose semplici: caldo sulla pelle, cibo buono, tanto spazio. 

Quando siamo sfiniti e abbiamo bisogno solo di recuperare le energie, Rimini è lì ad attenderci. Qualche giorno, non più di quattro o cinque, che sono il perfetto equilibrio tra il nostro bisogno di mare e il momento in cui iniziamo ad avere bisogno di altro, rigorosamente fuori stagione, e Rimini fa il suo trucchetto: ci rimette al mondo.

Potremmo andare altrove, cercare nuovi posti, scoprire nuove mete, ma perché farlo se tutto quello che vogliamo è lì, a portata di mano? Le scoperte le lasciamo per altri momenti, per altri viaggi, questo viaggio è il per conforto delle cose conosciute, quelle che amiamo da sempre. 

Peraltro, ne avevo già parlato in un altro post qualche anno fa, a Rimini ci sono innumerevoli cose belle. Il cielo è enorme e mi riempio sempre gli occhi perché, per una che vive in collina e va al mare in una spiaggia larga pochi metri, la grandezza del cielo è una cosa che mi affascina sempre (un giorno parliamo dei cieli più belli del mondo, vi va?). C'è il tramonto, che mi strugge sempre tantissimo ed è un momento speciale, sia che tu lo viva ancora in costume sulla spiaggia, vestita per bene a fare l'aperitivo o sugli scogli tra i pescatori. Ci sono le conchiglie da cercare sulla spiaggia, come quando ero bambina.

A Rimini c'è spazio infinito in ogni dove che, per una che adora camminare come me, è una manna dal cielo. A Rimini c'è profumo di elicriso e lavanda, di piadina e pesce fritto. A Rimini c'è un centro storico bellissimo, dove camminare e guardare i negozietti e farsi venire voglia di un vestito nuovo.  A Rimini c'è Borgo San Giuliano e le sue casette dipinte. E poi a Rimini c'è Fellini, anche se lui non c'è più. E se per caso ci sono ancora dei fiocchi di pioppi in giro, ti viene da sussurrare "vagano, vagano, vagano".