lunedì 26 maggio 2014

Tea for Two

Daria Pop e il potere dei sogni, ragazzi. Buona lettura. 

Ma pensa te che mi sono appena asciugata le lacrime per il post della Queen in cui scrive alla se stessa 17enne (Queen, non le hai detto che a 40 si diventa rincoglioniti e ci si commuove come fanno gli anziani) e mi ritrovo qui a raccontarvi che venerdì, mentre usciva questa sua lettera meravigliosa, io ero in giro a trascorrere un’indimenticabile giornata da 17enni.


Io non so come mai, ma quando passo del tempo da sola con mio cugino Mirko, finisco sempre col sentirmi addosso quella leggerezza lì.
Ho le stesse sensazioni che avevamo a vent’anni o giù di lì. Insieme perdiamo il senso del tempo, della realtà, diventiamo due adorabili cazzari che si divertono come ragazzini.
E così è stato anche venerdì.

Ore 13: “Ciao Crösa, faccio un salto da Merula con Mirko, giusto per vedere se c’è una chitarra acustica da affittare con poco, sai, tanto da togliermi la curiosità di provarne una diversa dalla mia. Come dici? No, no, un’elettrica assolutamente no. Figurati. Vado avanti con la Fender, poi tra un anno, se va bene, se ne riparla. Comunque a dir tanto staremo un paio d’ore. Magari torno addirittura in tempo per la spesa. Comunque alla cena ci penso io, non ti preoccupare”.

Ore 19.15: “Ciao amore, siamo appena ripartiti (seguono cuoricini e faccine sorridenti). Credo di essere a casa tra un’oretta. Per cena non ho idea, magari prendiamo una pizza, ma tu non ti preoccupare di niente (altri cuoricini e occhi a cuoricini)”.

Tu non ti preoccupare di niente e men che meno del fatto che cuoricini e occhi a cuoricini preparano l’ingresso in casa di una chitarra da 1.600 euro, che ora se la viaggia comoda sul sedile posteriore.

In effetti, appena arrivata da Merula, io ho provato, giuro, delle chitarre acustiche da 300 euro da affittare per qualche mesetto, sotto gli occhi esterrefatti di Mirko che sapeva benissimo dove volevo arrivare.
“Mirko, che dici, magari provo anche qualche elettrica, così per curiosità?”. 
Certamente, risponde lui.
Sondo tutto Merula come un radar e la vedo.
Appesa dietro il bancone. Rossa, brillante, bellissima
Non può non saltare agli occhi, almeno ai miei. Sarebbe come non notare Rita Hayworth dal parrucchiere.

La Rickenbacker 330 FG, Fire Glo. So tutto di quella chitarra, la amo da secoli.
Quella chitarra per me, prima ancora dei Beatles, è Johnny Marr e i pezzi degli Smiths.
Sono io a 17 anni che mi sparo nel walkman la cassetta di “The Queen is dead” fino ad arrivare a me 39enne che, mercoledì, a momenti svengo quando il mio maestro mi tira fuori lo spartito di This charming man.


Non vi racconto in questa sede le peripezie nel provarla e le risate non solo mie e di Mirko ma anche del personale di Merula. Non capivo più niente, ve lo giuro.
Provare una chitarra e sentirla tua è un’emozione che ti fa avvampare.
Sembrava di avere di nuovo 17 anni. Dio, una chitarra nuova dopo 20 anni e per di più quella dei tuoi sogni è una sensazione che in quel momento solo Mirko poteva capire.
“Dai, provala anche tu!”. 17 anni, lo spirito da presi bene era esattamente quello.
Anche mentre gli chiedevo: “Ho tante spese, in questo periodo, però. Tu che ne dici?” 
“Io dico che se stai a guardare quello, non fai più niente”, Mirko sa cosa rispondermi in quei momenti e la cosa bella è che pure lui è così. Perfetta sintonia tra cazzari.
Insomma, provata e affittata. Già so che a suon di caparra e affitti non la restituirò mai.

Comunque, per tranquillizzarvi, sappiate che quando sono rientrata a casa con questa custodia enorme e una faccia tra il senso di colpa e una malcelata euforia, Crösa ha allargato un sorriso enorme chiedendomi “Hai preso LEI, vero?” “Eh sì, non ho resistito” “Hai fatto bene!!!”.
Sono circondata da uomini meravigliosi, non ce n’è: Crösa che appoggia e apprezza sempre tutte le mie follie, un cugino con cui alleggerire il mondo e un maestro che mi insegna a suonare This charming man

4 commenti:

  1. Mirko con la K26 maggio 2014 14:39

    Direi che tuo cugino Mirko dovrebbe impegnarsi maggiormente ad alleggerire la sua stazza invece che il mondo intero... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahhaha! pensavo ti fosse passato completamente l'appetito dopo avermi fatto da garante con la tua carta di credito.

      Elimina
  2. Sei la mia cazzara preferita! Muacks

    RispondiElimina
  3. ooohhhh la mia nati...quanto mi mancano le nostre moretti da cazzare

    RispondiElimina