giovedì 18 dicembre 2014

I (miei) dischi del 2014

Del mio rapporto con la musica ne ho parlato fino alla nausea, vero? Che mi aiuta a vivere, che senza non potrei stare, blablabla, giusto? Perfetto, quindi lasciamo perdere l'introduzione e passiamo alla lista dei miei dischi del 2014. Io sono una appassionata adorante di musica, ma non sono un'esperta. Di robe tecniche ne so meno di Simona Ventura, per dire. Odio il termine "mi è arrivato", non sopporto Simona Ventura, ma mi serviva un esempio per farvi capire il mio rapporto con la musica. Di pancia, insomma. Mi innamoro di persone, atmosfere, ritmi, ma mai nella mia vita potrei permettermi di giudicare un disco o un cantante dal punto di vista tecnico. Quindi questa, come ogni altra cosa in questo blog, è una lista del cuore

Musicalmente, come in molti altri campi, mi nutro di passioni. Mi innamoro intensamente e, nel periodo dell'innamoramento, non ascolto altro. Quando scopro un disco, un gruppo che non conoscevo, una canzone speciale, quello diventa la mia colonna sonora almeno per qualche mese. Se poi è amore vero, rimane e entra a far parte dei miei preferiti, altrimenti passa e amici come prima. Questa è la lista dei miei amori veri del 2014 (che non sono per forza dischi del 2014, io arrivo sempre un po' in ritardo sulle cose, si sa). 

Of Monsters and Men - My head in an animal. Questo è uno degli album più belli che io abbia ascoltato negli ultimi anni, senza ombra di dubbio. Il singolo Little Talks si è sentito in radio fino alla nausea, ma non mi era mai venuta voglia di saperne di più finché un giorno, su YouTube, ho visto il video qui sotto. Colpo di fulmine, come spesso mi succede. Per tutta la primavera di quest'anno, non ho fatto altro che ascoltare questo album. Mentre cucinavo torte il sabato mattina, in macchina, in cuffia in giro. Per me quest'album ha il sapore del primo tepore primaverile, di margherite, cannella e caffè caldo. 


John Mayer - Battle Studies. L'estate mi ha regalato molteplici scoperte musicali. John Mayer, come già avevo raccontato, lo devo tutto a Veronica, che ne ha cantato l'amore in un suo post dopo il concerto dei Rolling Stones. Tanto amore meritava sicuramente un po' di curiosità, sono andata su Spotify e da quel momento le mie giornate sono state piene delle melodie di John. Questo album ha il sapore delle giornate grigie e freschine della scorsa estate e della voglia di andare via, lontano. 



Matrimony - Montibello Memories. Questo album l'ho scoperto grazie a una blogger americana, della quale purtroppo non ricordo il nome, che dichiarava di essersi innamorata di questo nuovo gruppo, parlandone con grandissimo entusiasmo. Si sa che non sono immune all'amore e son dovuta correre ad ascoltarli. Se John Mayer è stato il compagno delle giornate più malinconiche, quest'estate, i Matrimony li ho ascoltati distesa al sole, cercando di assorbire tutto il caldo possibile. I Matrimony sono il mio amore per l'America, i gruppi hipster, gli zoccoletti svedesi e le file di lucine appese sotto il patio. 



Future Islands - Singles. Se dovete guardare uno solo dei video che vi ho messo qui, guardate questo, ve ne prego. Questa canzone è MERAVIGLIOSA. I Future Islands li ho scoperti da sola, vagando a caso su Spotify (sono dipendente dall'opzione "Artisti simili") e mi hanno entusiasmata come poche cose ultimamente. Tra l'altro pare che ci abbia anche visto giusto, perché questo album è in tutte le classifiche dei migliori album dell'anno. Ma in realtà non mi importa, questo disco è la pioggia al ritorno dalla Germania, la birra e i pretzel, e il frescolino di prima mattina, quando ormai è settembre. 



The Kills - Blood Pressures. Che i Kills fossero grandi, lo sapevo da tempo. Ma non me ne ero mai innamorata, chissà perchè. Poi sono andata a sentire gli Artic Monkeys, quest'estate, e loro aprivano la serata. Che botta, ragazzi. Il mio autunno rockettaro ha avuto solo loro come colonna sonora. Loro sono la mia anima rock, il giubbotto di pelle e la passione per i tatuaggi (che non ho). 


E voi, ditemi. Quali sono stati gli album del vostro 2014?

10 commenti:

  1. Quest'anno è stato sicuramente l'anno dei One Republic, degli Imagine Dragon e dei Fall out boy. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fall out boy non li conosco, so solo che Pete Wenzt era nella serie One Tree Hill (che mi piaceva un casino, tra l'altro).
      Gli Imagine Dragon sono tra i preferiti di mio marito e gli One Republic ce li ho lì da ascoltare. Grazie del suggerimento!!!

      Elimina
  2. Adoro la premessa di questa lista. E mi piace che ci siano dentro cose che ancora non ho ascoltato e cose che amo smodatamente.

    Amo smodatamente i The Kills, da lungo tempo, e quindi non posso che capire e apprezzare il fatto che dopo averli sentiti dal vivo (cosa che a me, purtroppo, manca) sei entrata dentro al loro mondo :)

    Sui ragazzotti islandesi non dico altro se non che è un disco che ho regalato a Natale e io regalo solo dischi che mi piacciono tantissimo :D

    Del resto non ho ascoltato nulla o quasi.
    Conosco John Mayer e ho alcuni suoi dischi (ho ascoltato moltissimo "Continuum", che reputo meraviglioso), ma non mi piace così tanto da seguirlo assiduamente. Quindi seguirò il tuo consiglio, perché "Battle Studies" non l'ho mai sentito ed è il disco di mezzo tra "Continuum" e "Born And Raised" che mi sono piaciuti molto.

    Dei Future Islands sento parlare un gran bene da un po' e li vedo stabilmente in tutte le classifiche dei migliori dischi del 2014 pubblicate da quasi ogni testata indipendente e non. Avevo già intenzione di metterli nella coda dei dischi da recuperare assolutamente ad inizio 2015! :)

    Sui Matrimony invece ci siamo già detti tutto credo ;)
    E' inevitabile che non ci possano piacere proprio tutte le stesse cose, no? Oh, poi magari tra qualche anno cambierò idea, mai dire mai (vedi tu con The Kills).

    Grazie per tutti i consigli e per la buona musica che ci scambiamo sempre :)

    Buon Natale,
    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, insomma. Diciamo che sono io a sfruttare la tua conoscenza musicale, và.
      Buon Natale!
      Cinzia

      Elimina
  3. Ma che bello questo post tutto musicale!
    Allora, direi che il mio 2014 è stato musicalmente un anno molto italiano e nomino: Dente, Brunori, la pazzesca Levante e Gazebo Penguins
    Menzione d'onore: Cosmo, Disordine - in loop da 18 mesi ormai
    Sezione giovani: C+C=Maxigross + Fast animals and slow kids
    Internazionale: QOTSA, Like Clockwork + Blood Red Shoes
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Urca, ne conosco davvero pochi. Mi piace moltissimo Cosmo e adoro Levante, che ho visto in concerto quest'estate. Per quel che riguarda gli altri, ehm, devo recuperare! :-)
      Baci
      Cinzia

      Elimina
  4. io mi cospargo il capo di cenere.... non conosco nessuno di quelli elencati! sigh!
    purtroppo non ho una grandissima conoscenza musicale, mi baso moltissimo su virgin radio... però poi mi perdo pure i titoli... magari qualcuno di questi li avrò sentiti allo sfinimento.... ma non lo sapevo! ;)
    tra gli italiani salvo il trio fabi-silvestri-gazzè.... anche se non li ho visti dal vivo... o meglio, non li ho visti insieme! 2/3 li ho visti in due concerti diversi... fantastici! mi manca solo silvestri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabi-Silvestri-Gazzè mi piacciono molto, volevo andarli a vedere dal vivo ma non sono riuscita. Anch'io ne ho visti 2 su 3, ma mi manca Fabi. Spero in un tour estivo, magari la prossima estate. Se così fosse, non me li faccio scappare!
      Un abbraccio
      Cinzia

      Elimina
  5. Tanti auguri di Buon Natale, grazie per il Secret Santa, per l'entusiasmo, il calore e l'iniziativa.
    Tanti caldi abbracci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Tanti auguri anche a te!
      Un abbraccio

      Elimina