lunedì 18 marzo 2013

Sfogliata di pere alle noci e amaretti

 
Sono un'accumulatrice seriale: quando qualcosa mi piace, vengo immediatamente presa dal timore che possa scoppiare la terza guerra mondiale e che improvvisamente non possa più comperarla. Questo fa sì che in casa abbia almeno 30 diverse confezioni di tè (qui la scusa è facile, basta dirsi che ci vuole assolutamente una certa scelta, non si può mica sempre bere lo stesso tè), una quantità di candele utile a illuminare un grattacielo, libri ancora da leggere per i prossimi due o tre anni e così via. Poi, periodicamente, mi prende l'assoluto bisogno di far piazza pulita e lo affronto come una sorta di missione.
In queste settimane mi sto dedicando a smaltire la mia "collezione" di riviste di cucina (è un'immagine poco rock questa, vero?), selezionando le ricette che mi interessano e dividendole molto diligentemente tra quelle da fare subito (che finiscono attaccate al frigo) e quelle che prima o poi proverò (salvo poi, ad un certo punto, essere costretta a fare con loro lo stesso lavoro che faccio con i giornali...Signore, aiutami, non ne esco più).
Comunque, dopo questo racconto emozionante, veniamo alla ricetta. Un'altra delle mie ricette ideali: veloce, facile, risultato garantito. Quelle che a casa di Cindy vanno alla grande.
 
Sfogliata di pere alle noci e amaretti
 
un disco di pasta sfoglia già pronta (Serena, se mi leggi, perdonami)
3 pere piuttosto grandi
una manciata di gherigli di noce
30 gr. di amaretti
1 uovo
60 gr. di zucchero semolato
15 gr. di zucchero a velo
20 gr. di burro (la ricetta ne prevedeva molto di più, io ho tagliato)
 
Srotolare la pasta e trasferirla, insieme alla carta che l'avvolge, in una teglia. Riavvolgere il bordo esterno e bucherellare il fondo con una forchetta. Sbucciare le pere, tagliarle a fette molto sottili e disporle sulla sfoglia, lasciando libero il bordo. Far sciogliere il burro, mescolarlo con lo zucchero e l'uovo fino a ottenere un composto liscio. Distribuirlo sulle pere e cospargere con le noci tritate grossolanamente. Infornare a 200° per 25 minuti. Quindo sbriciolare gli amaretti, unirvi lo zucchero a velo e cospargere il dolce. Rimetterlo in forno e passarlo sotto il grill per qualche minuto. Servire la torta tiepida oppure a temperatura ambiente.
 
PS: la ricetta originale prevedeva di aggiungere al composto di uova, zucchero e burro anche due cucchiai di vino dolce. Io purtroppo non ne avevo quando ho preparato la ricetta e quindi ho fatto senza, ma secondo me aggiunge il giusto tocco in più..

9 commenti:

  1. Uhm... dici che potrebbe funzionare anche in versione tartelettes, invece che in teglia grande? Magari tagliando le pere a pezzetti più piccoli.
    Sai com'è, devo testare degli stampini da crostatine :-)

    PS comunque, anch'io faccio uso di sfoglia già pronta... se dovessi fare pure quella mi passerebbe la voglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, certo! Secondo me verrebbero ottime, senza dubbio.

      Per quel che riguarda la pasta sfoglia, è (quasi) la mia unica concessione ai prodotti industriali, ma proprio non mi va di farla...

      Elimina
  2. Che buona questa torta, proprio golosa, proverò a farla sicuramente.
    Brava Cindy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, beh, brava in cucina proprio no...però sono un'ottima selezionatrice di ricette facili, veloci e dal risultato (quasi sempre) garantito. In quello sono una campionessa!!! ;-)

      Elimina
  3. come faccio a resisterti? e soprattutto a non perdonarti??? :) ho letto da qualche parte di una marca di sfoglia particolarmente "meno industriale" delle altre, appena ritrovo il nome te lo mando. ma di sicuro ora ho un altro obiettivo per il 2013! convertirti alla pasta sfoglia home made, che sicuramente non è particolarmente veloce, ma ti assicuro essere poco impegnativa e comodamente surgelabile! un bacino, sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, Sere...adesso che so che mi segui, pubblicare queste ricette un po' cialtrone mi mette davvero in difficoltà!!!
      Per quel che riguarda la pasta sfoglia, mi sento in colpa ogni volta che la mangio...ma mi consolo dicendomi che è l'unico cibo industriale che entra in casa mia! Potrei provare ad aggiungere ai buoni propositi del 2013 anche l'imparare a fare la sfoglia, dai! ;-)

      Elimina
    2. si, tu aspetta un post in cui te la spiego, e vedrai che è più facile di quel che sembra! e poi le ricette "cialtrone" (che secondo me non lo sono mai!) sono quelle salvavita! ti immagini quando arrivo a casa alle 8 se non ci fossero ricette così? a quest'ora sarei morta!

      Elimina
  4. io ce l'ho fatta! tu ce la farai!
    http://cucinaprecaria.it/2012/03/pasta-sfoglia/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E va beeeeeene, allora ci provo! :-)

      Elimina