mercoledì 27 marzo 2013

11/52 e un insegnamento.



Come ho già detto la scorsa settimana, questo progetto mi piace sempre di più. Nato con l'unica intenzione di spingermi ad usare la macchina fotografica, che per troppo tempo rimaneva chiusa nella sua custodia, è diventato piano piano una testimonianza della mia quotidianità e dei momenti importanti della settimana. Ogni mercoledì, dopo aver pubblicato la mia foto settimanale, vengo presa dal panico: "oddio, adesso la prossima settimana non potrò pubblicare nulla, questa settimana sarà uno schifo, non succederà nulla, non avrò niente di significativo da fotografare" e poi, puntualmente, lo stimolo per la fotografia arriva. A volte le foto mi piacciono di più, altre meno, ma sono sempre lì a segnare la settimana e il passare del tempo. Sarà bello riguardarle tutte, tra un anno, e riflettere su tutto quello che è successo.
La foto di questa settimana testimonia una nuova presenza in casa, un nuovo essere vivente da accudire: la pasta madre. Da tempo bramavo un pezzettino di pasta madre e aspettavo che mi arrivasse, in qualche modo, da qualche parte. Ed è arrivata! Grazie a una lunga, fredda e meravigliosa giornata passata con persone sconosciute e già diventate amiche (almeno lo spero, mie care che mi leggete), amicizie virtuali che diventano reali, persone nuove, punti di vista diversi, conversazioni interessanti, lontani da casa e immersi in una nuova, interessante realtà. Insomma, la pasta madre è stata solo "una scusa" per un arricchimento più grande, per crescere un po', per imparare cose nuove. E l'arricchimento ottenuto da questa giornata è stato un grande insegnamento per me, che vivo sempre in preda alla pigrizia e che avrei preferito girarmi nel letto e continuare a dormire e non farmi un'ora di viaggio nella pioggia, l'altro giorno. Ho imparato tanto e soprattutto ho imparato, ancora una volta, che, nel dubbio, è sempre meglio FARE.

13 commenti:

  1. Certo che siamo già amiche! Amiche di Fuffa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era proprio quello che volevo sentire. La fuffa è la mia religione! ;-)

      Elimina
  2. il tuo progetto mi appassiona, la tua storia mi ha conquistata, ora teniamo in vita la pasta madre fino all'arrivo di una bella primavera, così poi ci vediamo nuovamente e ci facciamo una pagnotta e una focaccia!

    RispondiElimina
  3. ecco... qui casca l'asino... la pasta madre avrà il sopravvento sulla tua persona e su quella di colui che ti vive insieme! Non potrai più pensare ad un lungo viaggio. la morte della pasta madre, che tu terrai gelosamente nel frigo, scatenerà forse la fine del mondo... ma poco male... perchè credo che nel brodo primordiale di milioni di anni fa ci fosse già un pezzettino di pasta madre... quindi ESSA sopravviverà a tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mi stavo già chiedendo chi fosse la persona più giusta a cui affidarla durante le mie assenze da casa...

      Elimina
  4. Quando ero in Italia, ormai la pasta madre era diventata una compagna immancabile, visto che c'era puntualmente da prendersene cura. Un volta provata però non si torna più indietro...;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, temo di essere finita in un tunnel! ;-)

      Ma che meraviglia il tuo blog, non lo conoscevo ancora. Finirà di sicuro tra i preferiti!!!

      A presto,
      Cinzia

      Elimina
  5. Bella la foto della settimana e concordo pienamente, nel dubbio è sempre meglio fare.
    Quando vorrai andare alla Farmacia Sant'Anna se ti fa piacere fammelo sapere, ti accompagno molto volentieri.
    Un abbraccio, cara Cinzia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moooolto volentieri, grazie! Allora ci organizziamo, dai dai dai!
      Cinzia

      Elimina
    2. Che bello, sì! Grazie a te :)

      Elimina
  6. Bel progetto.. e bella frase: NEL DUBBIO SEMPRE MEGLIO FARE! :D

    Un abbraccio, Manuela

    http://pensierinviaggioo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì. Io devo ripetermelo come un mantra! ;-)
      Baci

      Elimina