giovedì 11 aprile 2013

Un plumcake che finge d'essere un pain d'epices

Figo il titolo di questo post, eh? Tutto per nascondere un'altra cialtronata in cucina, direte. E invece no, stavolta no. Basta sminuirmi e buttarmi giù, basta scherzare per nascondere l'inesperienza. Basta, perché questa volta ho fatto sul serio, questa volta ho agito come una vera esperta in cucina (ci credete tutti, vero?).
Insomma, la storia è che, qualche giorno fa, rientrata infreddolita dalla passeggiata con il cane, sotto una pioggerellina scozzese, mi è presa una voglia matta di pain d'epices. Qui si potrebbe aprire tutto un capitolo su come il meteo e la località influenzino le nostre scelte culinarie, o forse ancor meglio le nostre voglie, ma non voglio tediarvi. Dicevamo che m'era presa una gran voglia di pain d'epices. Che fare? Lo cuciniamo, così arriva pronto pronto all'ora del tè. Bene, la ricetta? Internet, of course (qui si dovrebbe anche disquisire sul fatto che ho un ripiano intero della libreria occupato da libri di cucina e poi non faccio altro che affidarmi alla rete, ma vabbè...ognuno ha le proprie debolezze e io ne ho una collezione intera). Come sempre, guardo cosa dice il Cavoletto, ma la sua ricetta del pain d'epices prevede 500 gr. di miele e io in casa ho solo il miele tanto buono che ho comperato alla bottega equosolidale, e se poi la ricetta mi viene male e lo spreco? Insomma, cerco un valido sostituto, ma ovviamente tutte le ricette prevedono un bel po' di miele (ma che strano, toh) e allora decido che insomma, beh, posso anche fare un plumcake, lo facciamo un po' speziato, ci mettiamo un pochino di miele e insomma...qualcosa che ce lo ricordi, 'sto benedetto pain d'epices, riusciremo anche a produrlo, no? Infatti. Prendendo spunto dalla mia guru (stavolta cartacea) dei plumcake, ho cucinato questo e ne vado molto fiera!
 
 
 
Plumcake speziato con uvetta e fichi
 
150 gr. di farina integrale
100 gr. di farina 00
30 gr. di zucchero
50 gr. di burro
5 cucchiai di miele
100 ml. di latte
1 manciata di uvetta
4 fichi secchi
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino di zenzero
1/2 cucchiaino di noce moscata grattugiata
qualche chiodo di garofano (tritato o sminuzzato)
1/2 bustina di lievito
un pizzico di sale
 
Ammollare in acqua tiepida (oppure nel liquore, se preferite) l'uvetta e i fichi secchi. Quindi sbattere le uova con lo zucchero, finché non si otterrà un composto bianco e spumoso (io di solito mi stufo prima, ma voi fatelo). Quindi aggiungere il miele, il latte, il sale e il burro fuso e mescolare bene. Aggiungere poi le due farine (poco per volta), continuare a mescolare e quindi aggiungere l'uvetta e i fichi tagliati a pezzettini. Per ultimo, aggiungere il lievito e mescolare ancora un pochino. Quindi versare in uno stampo da plumcake imburrato e rivestito di carta da forno e cuocere in forno caldo a 180° per 40 minuti.

6 commenti:

  1. gli esperimenti derivati dalla famazza e dalla voglia di un particolare gusto nel palato si rivelano sempre dei successi! bravaaaaa

    RispondiElimina
  2. Oh, che meraviglia!
    E' giusto l'ora di far merenda :)

    RispondiElimina