lunedì 9 giugno 2014

Tea for Two

Torna Daria e ci spinge a riflettere. Su di noi, sulla nostra vita, su cosa vogliamo farne e sull'importanza di avere un obiettivo. Perché ditemi, voi ce l'avete un obiettivo?


Ma scusa perché dovresti avere UN obiettivo?”.
Certe domande ti arrivano come un fulmine, nella loro semplicità.
E’ così che ha controbattuto uno degli angeli della mia vita.
Io: “Beh, perché non si può non avere un obiettivo. Il punto è che io non so in quale direzione devo puntare. So fare diverse cose, ho la passione della musica, della chitarra, mi diverto a fare i dj set, passerei il tempo a scattare foto, scrivere per me è rigenerante, una sorta di linfa, no? Mi diverto anche quando lavoro se riesco a buttarci dentro qualcosa di creativo. Insomma, è come se dentro avessi tanto da tirar fuori, ma non so in che direzione perché sostanzialmente non sono un genio in nessuna delle cose che ti ho detto.”
Il mio angelo ride ripetendo: “Un genio?! UN GENIO?!? Piantala di pensare ai geni e metti insieme tutte le cose che hai detto. Hai un bella combinazione di carte in mano, non scartarne nessuna. Giocale tutte. Non ti concentrare su una cosa sola, anche perché - pensaci - ti sentiresti in grado di sceglierne una? Non credo.”

Pin by Rachael Hayes

Ritornando a casa immersa nel mio mumble mumble, mi sono detta why not? e ho pensato a possibili strade o combinazioni o chiamatele come volete.
E meno male perché io ho un sacco di amici in gamba, ma in gamba proprio. Alcuni hanno le idee chiarissime, puntano in una direzione e la centrano in pieno con enorme successo.
Altri sono altrettanto in gamba, con un sacco di potenzialità, chi nello scrivere, chi nel suonare, chi nel fare foto o video, ma secondo me non ne sono pienamente consapevoli. Fatto sta che io li guardo e mi chiedo: “e chi sono io per fare quella cosa se nemmeno lui, dall’alto della sua bravura, ci prova davvero?”.

Non ho trovato la fonte. Abbiate pazienza se l’avete scattata voi

Ce n’è uno in particolare che per me scrive come se gli dèi lo avessero baciato in fronte appena nato. Quello di cui parlo è Gèc La Mosca e vi assicuro che non conosco nessuno al suo livello, nè per le cose che scrive nè per come le scrive.
Gèc La Mosca è il fuoriclasse della penna (rigorosamente Bic Soft nera) e quando penso a lui non posso non chiedermi: “Ma chi cazzo sono io per scrivere se nemmeno Gèc La Mosca lo fa più?!”

Ora arrivo al finale. Che è duplice.
1) Ho raccontato tutto questo per lanciare un appello a Gèc La Mosca: per favore, scrivi. Perché a me è sempre piaciuto leggerti e se proprio non vuoi scrivere un romanzo o tenere un blog o roba simile, fai una raccolta di pensieri tipo “Il pensiario di Gèc La Mosca”. A me va bene uguale. Perché se tu scrivi, il mondo è un po’ più bello.
2) Tutti noi abbiamo un Gèc La Mosca o un amico migliore di noi in un campo particolare. Beato lui, ma noi proviamoci lo stesso.
Quindi (a chiusa di tutto) io riprenderò il racconto iniziato tempo fa e finito nel cassetto di Google Drive.
Inoltre, supererò il blocco che mi impedisce di suonare come dovrei (o di suonare del tutto) di fronte ai miei amici musicisti.

p.s. ho scelto questo pezzo perché il testo è pieno dei mumble mumble in cui mi perdo passeggiando con una mano in tasca.

5 commenti:

  1. Come sai, fino a ieri credevo fermamente ci volesse un obiettivo. Poi ho letto questo: "gli uomini desiderano e falliscono. Io no, mi rifiuto. Porto avanti una rivoluzione silenziosa, spalmato di olio di cocco ad abbrustolire al sole". Credo lo farò mio.
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. corro a tatuarmela sulla schiena.

      Elimina
  2. Obiettivi, strade, frecce che puntano al bersaglio... Mi son persa dieci anni fa, quando ho smesso di seguire a una cosa sola per una moltitudine di altre (in crescita vertiginosa). Forse davvero il segreto è smettere di pensare a desideri, sogni, inadeguatezza, sfiducia, timore, ma a vivere e basta. Se possibile, vivere bene ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanta saggezza! Io credo dovremmo prendere esempio dai nostri animali, che ogni giorno si svegliano, si danno una scrollata e via a vivere. Senza troppi pensieri! :-)

      Elimina
    2. forse sì, avete ragione. forse il trucco sta nel vivere con leggerezza e sì, anche con un po' di indulgenza. però quando sogni e desideri iniziano a bussare con prepotenza, che si fa?! :D

      Elimina